lunedì 17 maggio 2010

IL PIACERE DELLA BUONA CARNE

DOMENICA 23 MAGGIO 2010
In Piazza Torriana dalle 18.00 per
IL PIACERE DELLA BUONA CARNE
INGRESSO E DEGUSTAZIONE GRATIS

Il comitato organizzativo 
 in collaborazione con AIC Rimini
 Vi invitano a trascorrere una serata piacevole insieme
Chiaramente anche Senza Glutine

SCARICA UN INVITO PER OGNI PERSONA DALLA SEZIONE DOWNLOAD
VI ASPETTIAMO

sabato 15 maggio 2010

Si avvicinano le vacanze..diamoci una "dritta"















Siete stati in vacanza?
Volete raccontare la vostra esperienza?
Volete dare un consiglio?

Grazie

venerdì 14 maggio 2010

L'incontro con le nuove diagnosi direttamente in Ospedale

Una particolarità che caratterizza l’associazione AIC , è che generalmente il primo approccio che le persone hanno con l’associazione avviene con un volontario a seguito di una diagnosi.
Spesso quindi le persone non hanno mai sentito parlare dell’associazione fino a quando non si trovano ad usufruire dei servizi che questa eroga. Questo aspetto se non  ben gestito rischia di divenire  un punto di criticità  nella corretta  comunicazione della Mission associativa e della identità dell’AIC in generale, in quanto il momento in cui avviene l’incontro è particolare e carico di complessità. Le persone, infatti, dopo la diagnosi effettuata dalle strutture specialistiche pubbliche, si devono recare presso la sede dell’associazione, aperta solo nella serata di mercoledì, per poter trovare sostegno ed indicazioni utili a seguire la dieta senza glutine.
Gli individui  che hanno ricevuto la nuova diagnosi devono quindi aspettare sei giorni minimo  per incontrare un volontario AIC presente in sede, che  li accompagnerà in un cammino in-formativo instaurando una relazione cosiddetta d’aiuto.
Purtroppo questo periodo è estremamente lungo e spesso segna la famiglia colpita dalla nuova diagnosi , che si  ritrova sola in uno stato emotivo molto particolare con un elevato grado di stress correlato alla vera paura della “malattia celiaca” visto che ci si rende conto che in casa il glutine è praticamente dovunque.
Cosa mettere in tavola? Come fare? E la spugna , la lavastoviglie, i piatti , la spesa? Sono solo alcune delle tante domande alle quali i neo-diagnosticati non possono rispondere da soli per affrontare adeguatamente la nuova situazione e seguire correttamente una dieta senza glutine.
I VOLONTARI dell’ASSOCIAZIONE hanno quindi deciso di colmare questo vuoto, e in collaborazione con il  Dott. Renzo PINI  e la Dott.ssa  Laura VIOLA del reparto di gastroenterologia pediatrica saranno disponibili ogni Giovedi’ in occasione delle nuove diagnosi dalle 09.30 alle 11.30 presso il DAY HOSPITAL PEDIATRICO di RIMINI (5p.scala A) per parlare di:

·        Sicurezza  e correttezza delle informazioni sulla dieta senza glutine
·        Informazioni sulla erogazione dei prodotti dietoterapeutici
·        Informazioni su alimenti senza glutine e prontuario degli alimenti
·        Norme in cucina
·        Consigli per la scuola
·        Informazioni varie, farmaci, ostie, ecc
·        Progetto AFC(alimentazione fuori casa) locali informati quali e dove.


                                                         Pellegrino Parente
                                    Referente AUSL per AIC e Tutor alimentazione

martedì 4 maggio 2010

Navigando sul WEB

Navigando sul WEB
Bisognerebbe chiarire alcune cose, navigando sul WEB, e digitando hotel senza glutine.
Per Rimini e Riccione vi verranno fuori proposte di tutti i tipi: Bar, Gelaterie, Ristoranti… addirittura alcuni millantano corsi con il patrocinio del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali (….???mai sentiti, gli unici corsi validi sono quelli AUSL o AIC).
Ma la domanda è sempre la stessa: Come lo fanno? Chi li controlla? Dove comprano i prodotti e dove li stipano? Si cambiano il grembiule? Quale barattolo del sale usano?  E chi li aggiorna sulle variazioni  del prontuario se non risultano neanche inscritti all’AIC'?
Molti non hanno mai frequentato neanche un corso AUSL, che passatemi la metafora, ha il solo  scopo di dare una “infarinata” sul senza glutine,  perchè si sa, il lavoro più grosso si svolge proprio in loco per opera dei tutor che impegnano spesso qualche mese per arrivare ad un risultato che garantisce la sicurezza, nei casi più semplici mentre altre volte purtroppo malgrado l’impegno, non riescono e devono rinunciare, perché magari la cucina non permette, oppure il personale che è stato informato cambia di continuo, oppure il proprietario ha fiutato l'affare ma non vuole investire né in personale, né in tempo, né in strutture (tipo comprare il secondo forno o gli utensili dedicati, l'impastatrice ecc.)
Altri ancora, espongono nel menù cucina senza glutine, oppure lo fanno a richiesta ma poi quando sono stati contattati dai nostri volontari si sono rifiutati di ricevere anche solo delle informazioni base. Tengo a precisare che l'approccio del tutor è sempre quello teso alla collaborazione CORTESE e GRATUITA, al fine di perfezionare il servizio che in quel caso era già è attivo… ma le risposte sono sempre uguali: “non siamo a posto con l'AUSL,… i nostri fornitori non hanno i prodotti senza glutine quindi io mi fido dell’etichetta oppure dell’autocertificazione del fornitore,… non ho lo spazio e ci sono norme troppo severe,…ma preparo ugualmente pasti senza glutine…”
 SI CERTO È LA NOSTRA SALUTE, DICO IO.
Diffidate, pensate avanti, la Celiachia purtroppo sta superando la definizione di malattia rara se ne sono accorti tutti, l’interesse aumenta e siamo noi che dobbiamo scegliere quale mercato alimentare. Scegliamo le attività SICURE andiamo da chi si merita e si impegna.
Diffidate della politica del sospetto, AIC Rimini non è un’entità massone che vuole far soldi o che ha interessi nascosti, è fatta da volontari, persone comuni che avete già visto.
Sono quelli che organizzano il tutto: montano lo stand, preparano a casa e vi servono la piada alle fiere…, sono quelli che a notte fonda raccolgono lo sporco…, quelli che fanno i turni in associazione..., quelli che parlano con i ristoranti, le gelaterie, i bar interessati al senza glutine…, convincono i proprietari, gli organizzano i corsi e ce li portano… gli fanno la formazione e li seguono per sempre…,  sono quelli che organizzano i corsi di formazione per le maestre, per il personale delle cucine scolastiche e le bidelle…, che si battono e fanno arrivare ai nostri bambini il pane fresco a scuola invece che i crostini o le gallette…, sono quelli che cambiano le regole ed istituiscono la commissione mensa li dove non c’era, cioè alle materne e alle scuole dell’infanzia…, sono quelli che trovate in piazza per la giornata del ciclamino…, che organizzano gli incontri con la psicologa in aiuto alle nostre mille domande…, sono quelli che troverete all'ospedale tutti giovedì pari del mese per accogliere di persona le nuove diagnosi perche l’AIC c’è e ci vuole essere.
Sono quelli che si battono per tutti i celiaci, tutti anche quelli non inscritti all’AIC ecco il  perché di questo blog senza bandiera.
E tutto questo perché? Per un grazie, una pacca sulla spalla e per vedere il sorriso di qualche bambino o la faccia felice di quelli che almeno per una volta si sentono liberi di mangiare.
E ribadisco il tutto GRATUITAMENTE perchè nessuno prende niente da nessuno.

Documenti Utili